Sul web si parla di forex… ma cos’è ?

Sul web, nel campo della finanza, una delle parole chiave più ricercate è ‘trading forex’, ovverosia la negoziazione online dei cross valutari come l’Euro/Dollaro, l’Euro/Sterlina ed il Dollaro/Yen. Ma cos’è nello specifico il forex? E perché tutti ne parlano nell’ambito del trading online? Ebbene, clicca qui per tutti i dettagli e gli approfondimenti, mentre in linea generale si può dire che il foreign exchange market, noto più semplicemente come forex, è il mercato della negoziazione della valuta estera, ed è per controvalore degli scambi giornalieri anche il più grande mercato al mondo in assoluto.

Chi c’è dietro il mercato forex?

Dietro il mercato forex ci sono tanti soggetti che negoziano le valute estere con finalità speculative o di copertura dal rischio di cambio, dalle piccole e medie imprese alle grandi multinazionali, e passando per le banche di piccole, medie e grandi dimensioni, le società di intermediazione mobiliare (SIM), le compagnie assicurative, ma anche i governi e soprattutto le banche centrali. Rispetto al passato, inoltre, il mercato forex è ormai facilmente accessibile anche da parte dei piccoli investitori che per operare, con la finalità del trading online, hanno bisogno di accedere ad una piattaforma di scambio che di norma viene messa a disposizione da un broker dopo aver aperto, spesso senza costi fissi, un conto per gli investimenti.

Il mercato forex, rispetto ad altri mercati come quelli azionari ed obbligazionari, presenta dei tratti distintivi e caratteristici a partire dall’elevatissimo volume di scambi giornalieri, come sopra accennato, e passando per l’estrema liquidità delle negoziazioni a fronte di un totale decentramento a livello geografico. Il mercato dei cross valutari è infatti un OTC, ovverosia un mercato over the counter con gli scambi che, eccetto il weekend, sono attivi 24 ore su 24 senza interruzioni e senza chiusure così come avviene ad esempio per le piazze azionarie. In più, a fronte di un’ampia varietà di operatori presenti, come sopra detto, il forex è pure un mercato dove i prezzi dei cross valutari variano in ragione di una molteplicità di fattori.

In accordo con un’analisi del Wall Street Journal Europe, i dieci operatori più attivi sul forex generano giornalmente un volume di scambi pari ad oltre il 70% del totale. Trattasi di conseguenza di investitori che, praticamente su tutti i cross valutari più scambiati, offrono sempre prezzi in acquisto ed in vendita in quanto concludono sul mercato operazioni in valuta anche rilevanti per singolo trade e per conto dei propri clienti. Si stima in circa 1.880 miliardi di dollari al giorno il volume medio degli scambi sul forex che è un mercato monetario interbancario e tra altre controparti la cui creazione risale al 1971.

Indipendentemente dall’operatore che investe sul forex, l’obiettivo di tutti, dagli investitori grandi e piccoli, e passando per quelli istituzionali, è quello di guadagnare dalla negoziazione sui cross valutari. A tal fine ogni investitore adotta delle strategie di trading online anche in base a quello che è l’orizzonte temporale fissato per aprire prima e per chiudere poi le posizioni.

Strategie trading online sul forex

Per investire sui mercati valutari ci sono tante strategie di trading a partire dallo scalping e passando per gli investimenti sulla violazione di prezzo, sulla price action, sul trading news e sul trend trading. Nel dettaglio, lo scalping forex viene effettuato attraverso l’apertura e la chiusura di posizioni molto ravvicinate nel tempo, anche dell’ordine di pochi secondi, fissando i livelli di stop loss e di take profit, allo stesso modo, molto ravvicinati a fronte dell’allocazione sul singolo trade di somme di denaro che possono anche essere rilevanti.

Il trading forex sulla violazione di prezzo si basa invece sui principi di base dell’analisi tecnica, ed in particolare sulla rottura al rialzo o al ribasso dei livelli di supporto o di resistenza sul grafico dei prezzi, mentre sulla price action l’apertura e la chiusura di posizioni sui cross valutari, in base all’analisi del trader, si basa sul raggiungimento di un livello di prezzo che, identificato a priori, può portare l’asset finanziario ad invertire oppure a proseguire la tendenza in corso.

Ci sono inoltre investitori che operano sul forex in base alle trend news, ovverosia in corrispondenza di notizie sensibili che di norma generano dei picchi di volatilità, spesso inattesi e difficilmente prevedibili, su uno o più cross valutari. Per esempio, sono trend news i rialzi o i ribassi dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, ed i dati sull’inflazione correnti e quelli sui prezzi al consumo di un singolo Paese che vengono stimati in prospettiva. Per investire invece con il trend trading sul forex, fissato l’intervallo di osservazione sul grafico dei prezzi l’investitore identifica una tendenza di fondo per uno o più cross valutari, e decide di seguirla aprendo posizioni in acquisto o in vendita.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*